sabato 25 ottobre 2014

Torta super ripiena.....di amore e fantasia!


Sabato sera, sto aspettando che la pizza si cuocia in forno e ne approfitto per postare questa ricetta, una torta ripiena di ogni ben di Dio, semplice ma ricca di preparazioni, infatti io per portarmi avanti ho iniziato il giorno prima. Non sapevo nemmeno come chiamarla, così ho optato per torta super ripiena.
Per essere più chiara ho fatto una foto dettagliata di tutte le preparazioni, il pan di spagna, che ho fatto il giorno prima, la crema pasticcera, e la pasta frolla, poi servirà la bagna per il pan di spagna che io ho fatto con lo sciroppo si amarene e acqua, una decina di amarene Fabbri (una delizia e una scoperta) e uno stampo a cerniera da 24 cm



Per il pan di spagna:
  • 3 uova
  • 90 gr di farina
  • 90 gr di zucchero
  • 20 gr di fecola
  • 1 cucchiaino di lievito per dolci
Ho separato i tuorli dagli albumi, ho montato gli albumi con metà dello zucchero e ho messo da parte poi ho montato bene i tuorli con l'altra metà dello zucchero, poi ho unito gli albumi ai tuorli, e infine le polveri setacciate stando attenta a non smontare il tutto. Io l'ho messo in una teglia rettangolare ma anche tonda va benissimo e in forno a 180 gr per circa per 20 minuti

Per la pasta frolla:

  • 2 uova
  • 150 gr di burro
  • 150 gr di zucchero
  • mezza bustina di lievito ( me ne sono dimenticata)
  • un limone grattugiato
  • farina q.b
Per prima cosa sciolgo il burro al microonde, nel frattempo mescolo le uova con lo zucchero e la scorza del limone, poi aggiungo il burro fuso e infine la farina con il lievito, avvolgo la palla in una pellicola e metto in frigo.

Per la crema pasticcera:
  • 500 gr di latte
  • 150 gr di zucchero
  • 5 tuorli
  • 20 gr di farina
  • 20 gr di amido di mais
  • un limone grattugiato

Metto a scaldare il latte, nel frattempo mescolo i tuorli con lo zucchero, le farine e la scorza del limone grattato, quando il latte inizia a scaldarsi aggiungo un po di latte nel composto per stemperare poi rimetto tutto sul fuoco mescolando fino che la crema non si raddensa.

Ho preso l'ho stampo foderato di carta forno e l'ho rivestito con la pasta frolla, sotto ci ho messo un sottile strato di crema, sopra la crema il pan di spagna tagliato a strisce da circa 1 cm di altezza e l'ho bagnato bene con la bagna fatta dallo sciroppo di amarene e acqua, sopra un altro bello strato crema e una decina di amarene sparse casualmente, infine  ho richiuso la torta con un altro disco di frolla. Ho messo la torta in forno per circa 45 minuti a 180 gradi!
Che dire è stata un successone, una vera delizia! 


E con questo bel primo piano dell'interno vi auguro un buon sabato sera a tutti!


lunedì 20 ottobre 2014

Panino con lo strutto e hamburger di ceci!!

Altro pane, questa volta con un po di strutto, per dare croccantezza fuori e morbidezza dentro...un sogno, e siccome non sono una grande mangiatrice di ceci, ho voluto provare a manipolarli leggermente, e devo dire che l'esperimento è riuscito, questo panino mi è piaciuto un sacco. La prima cosa che ho cercato sono state le calorie dello strutto rispetto all'olio, 50 gr di strutto ha 446 calorie contro i 450 dell'olio extra vergine di oliva, siamo li, e siccome c'ero ho voluto anche cercare le calorie del burro, 50 gr di burro sono circa 375 calorie, quindi il più calorico è l'olio, ma anche il più sano e buono, a mio parere e anche quello che al nostro organismo non fa male, anzi consumato con regolarità e moderazione fa bene, comunque chiusa questa parentesi ansiosa sulle calorie....(sarà l'abitudine ) passiamo alla ricetta:


Per il panino: circa 5 panini

  • 250 gr di farina
  • 20 gr di lievito molino rossetto
  • 50 gr di strutto
  • sale
  • acqua
  • Tuorlo per spennellare
Per l'hamburger: circa 4 hamburger
  • 1 confezione di ceci in scatola
  • 1 patata media lessata
  • 1 uovo
  • pane grattugiato
  • un filino di olio
  • mezzo spicchio d'aglio
  • sale
  • un pizzico di prezzemolo
Ho preparato l'impasto del panino mettendo tutto in planetaria, una volta formato il panetto l'ho messo a lievitare coperto da un canovaccio, una volta raddoppiato di volume ho formato i panini e rimessi a lievitare per un oretta, poi li ho spennellati con un tuorlo e li ho infornati a 180 gr per 30 minuti
Ho preparato gli hamburger mettendo tutti gli ingredienti nel mixer, ho tritato tutto finemente, ho preso una padella antiaderente, l'ho leggermente una e con l'aiuto di un coppa pasta ho formato gli hamburger, infine ho formato il mio super panino, mettendo dell'insalata sul fondo, il mio hamburger di ceci, ketchup e maionese, e infine delle scaglie di parmigiano, consiglio un formaggio saporito, il parmigiano ci sta da dio!


Un consiglio, ci ho pensato solo dopo, siccome i ceci stanno benissimo con il rosmarino, si potrebbe pensare anche di fare un panino aromatizzato al rosmarino......va beh sarà per la prossima....;)

mercoledì 15 ottobre 2014

Pane tipo ciabatta!!


Non so voi, ma io sono affascinata da tutti i pani, mi piace il profumo, la ruvidezza, i buchini all'interno, la doratura, insomma il pane mi affascina, se gli uomini fossero tutti interessanti quanto il pane.....noi donne saremmo tutte fuori di testa...ma fortunatamente non è così!
Questo bel pane l'ho fatto con metà farina di semola di grano duro rimacinato che gli da un sapore unico e farina bianca, e gli ho dato la classica forma del pane ciabatta, ovvero un po appiattito.


  • 250 gr di farina di semola di grano duro rimacinata
  • 250 gr di farina bianca 00
  • lievito madre essiccato Molino Rossetto 
  • un pizzico di sale
  • acqua
Ho messo tutti gli ingredienti nell'impastatrice, ho lavorato per 10 minuti, e ho fatto lievitare circa un oretta, poi ho ripreso l'impasto l'ho rilavorato a mano e ho fatto per 5/6 volte le pieghe di tipo uno, e gli ho dato la forma, l'ho spolverizzato di farina e l'ho rimesso a lievitare circa 2 ore, poi l'ho cotto per circa 25 minuti a 180 gr.


sabato 11 ottobre 2014

Torta con le amarene e crema!!

I dolci che piu preferisco sono quelli secchi, come le crostate, i panettoni da inzuppare....li adoro, mentre Valter adora i dolci un po più goduriosi, come il tiramisù, dolci alla crema, cioccolato...ecco, io quelli non li faccio mai o quasi...se non per rare occasioni....l'altro giorno guardando un programma di pasticceria eccolo che ricomincia con la solita solfa sul fatto che non gli faccio mai i dolci che gli piacciono....così ho deciso di fare questa torta, abbastanza goduriosa, farcita con crema pasticcera e amarene Fabbri.





Per il pan di spagna:
  • 7 uova
  • 180 gr di farina
  • 180 gr di zucchero
  • 30 gr di fecola
Per la crema pasticcera:
  • 500 gr di latte
  • 150 gr di zucchero
  • 5 tuorli
  • 20 gr di farina
  • 20 gr di amido di mais
  • limone grattugiato
Per la bagna:
  • acqua
  • zucchero
Per prima cosa ho fatto il pan di spagna, mettendo in planetaria, le uova con lo zucchero e le ho fatte montare molto bene, fin che il composto è chiaro e spumoso, poi ho montato gli albumi a neve ben ferma, e li ho uniti ai tuorli,  stando attenta a non smontare il tutto e infine ho aggiunto le farine setacciate.Io ho fatto due pan di spagna da 18 cm di diametro l'uno per poter dare altezza alla mia torta.


Preparo la crema pasticcera, metto a bollire il latte con le scorze di limone, a parte mescolo la farina, i tuorli, lo zucchero e l'amido, quando il latte è caldo ci verso il composto e con una frusta mescolo aspettando il bollore, appena bolle chiudiamo il fuoco, copriamo con pellicola a contatto e lasciamo raffreddare.
Poi inizio comporre gli strati, per prima cosa bagno il pan di spagna, ci metto la crema e le amarene e continuo così fino ad aver fatto tutti gli strati.


Infine ho montato la panna e ci ho ricoperto la torta, con qualche amarena sopra.....che dire Valter ha gradito mooolto e non solo lui...e poi le amarene Fabbri sono troppo buone.

sabato 27 settembre 2014

Spaghetti coi ricci!!

Ebbene in 30 anni di vita non avevo mai mangiato i ricci di mare.....quest'anno ci sono riuscita....ovviamente in Sardegna e pescati....non so se i ricci si pescano....no credo di no....comunque trovati da Valter e quindi direttamente dal mare sardo.....che bello, ero felicissssima , ma....ce un ma...non pensavo proprio che fosse così arduo pulirli....pieni di spine lunghe e difficili da tenere, comunque basta tagliarli in due con una forbice e prelevare il ripieno arancione, ovviamente dettaglio non trascurabile....( se vi venisse voglia di andare per ricci...) dovete prendere solo le femmine...riconoscibili dal fatto che sono più chiare dei maschi che sono invece neri e quindi vuoti!!






  • 300 gr di spaghetti un po grossi
  • 1 pomodoro
  • 1 spicchio aglio
  • olio
  • sale
  • peperoncino
  • ricci di mare
Preparo il soffritto con olio aglio e il pomodoro tagliato a cubetti piccolissimi, lascio cuocere e aggiungo il sale e il peperoncino, a fine cottura aggiungo i ricci di mare ( la polpa arancione che vedete sopra) lascio cuocere qualche secondo  e condisco i miei spaghetti, se volete aggiungete anche  prezzemolo, io non lo avevo, i ricci sono buoni anche crudi ecco perché vanno cotti poco per non disperdere troppo il sapore!



Vi lascio anche qualche foto della nostra vacanza.....buon week and a tutti!!
















martedì 23 settembre 2014

Gnocchi ripieni di....

Amore.....si infatti per fare questi gnocchi ci vuole tanto amore e tanta tanta pazienza......Sono tornata solo venerdì e già ripartirei.....eggià il brutto delle vacanze è il ritorno....ahimè...però sono propositiva, ho tante ricette da provare, si perché tutte le volte che torno dalla Sardegna ho voglia di portare quei profumi e quei sapori anche qui a casa mia!! Infatti mi sono portata una bella scorta di prodotti, come pane carasau, farina di semola, bottarga, dolcetti sardi e tante altre cosucce deliziose....
Questa ricetta però l'ho fatta poco prima di partire, buona e gustosa solo un po lunghetta da fare, ma con un po di buona volontà si fa tutto! Io ho deciso di fare questi gnocchi ripieni di ricotta e spinaci, e conditi con un bel sughetto di pesce (congelato).



  • 1 kg patate
  • 300 gr di farina
  • 1 uovo
  • sale
  • spinaci 
  • ricotta di mucca
Per prima cosa preparo gli gnocchi, mettendo a bollire le patate, appena cotte le pelo e le schiaccio con lo schiaccia patate e aspetto che si raffreddino, poi aggiungo la farina, l'uovo e un pizzico di sale. Poi preparo il ripieno fatto di ricotta di mucca, spinaci tritati e sale, prendo un po di pasta per gnocchi, faccio un incavo, ci metto un po di ripieno e li chiudo, io provavo a farli piccoli, ma è quasi impossibili, vengono abbastanza cicciotti.
Ho poi fatto un sugo di pesce, ma anche un sugo di pomodoro e  basilico va benissimo. Vi consiglio di mettervi comodi e rilassati perché richiedono il loro tempo, però devo dire che sono buoni e ne vale proprio la pena!


domenica 7 settembre 2014

Polpettone old style!!

Finalmente anche io sono in vacanza, sto scrivendo dall'amata Sardegna, ho un paio di ricettine arretrate da postare e poi cercherò di dedicarmi interamente al relax e al mare!
Siamo arrivati ieri mattina alle 5.00, con la linea Civitavecchia Arbatax, staremo qui a Barisardo fino Lunedì per poi spostarci a Palau per altri 5 giorni, la prima cosa che abbiamo fatto ieri è stata vedere l'alba in riva al mare, uno spettacolo unico che voglio regalarvi!!



Ma passiamo alla ricetta, un po di giorni fa ho provato a fare il polpettone di tonno, veramente buono, veloce e light che prima delle vacanze non guasta, un po old style come forma e mise en place , avrei potuto fare di meglio ma mi andava così!


  • 300 gr di tonno al naturale
  • una decina di capperi
  • 2 acciughe
  • 1 cucchiaio di olio evo
  • 1 uovo
  • prezzemolo



Ho tritato tutti gli ingredienti nel mixer, ho formato un polpettone aiutandomi con pellicola e stagnola, l'ho messo in acqua bollente e ho cotto per 25 30 minuti dal momento del bollore, ho aspettato che si raffreddasse e l'ho tagliato, decorandolo con un ciuffetto di maionese e un cappero, non ho messo sale, perché sia i capperi che le acciughe erano saporiti, comunque onde evitare errori assaggiatelo prima di cuocerlo!!


mercoledì 27 agosto 2014

Biscotti ferraresi!!

La maggior parte di voi è ancora in ferie, mentre alcuni stanno rientrando proprio queste ore, mentre altri devono ancora partire.....come la sottoscritta!! Sono quasi  vicina ad un esaurimento nervoso.....quindi come ho già detto altre volte per rilassarmi cucino, anche questa ricetta come tutte quelle che sto facendo ultimamente, l'ho presa da un vecchio numero di cucina moderna, sono semplici, leggeri, veloci e pure buoni, questo periodo non ho molta voglia di fare cose complicate.




  • 200 gr di farina
  • 250 gr di zucchero
  • 7 tuorli
  • un pizzico di sale
  • la scorza grattugiata di mezzo limone
Ho montato i tuorli nella planetaria con lo zucchero, poi ho aggiunto la farina setacciata, con il sale e la scorza del limone, quando il composto si è ammorbidito l'ho messo in un sac a poche e ho fatto varie forme,la classica forma dei biscotti ferraresi è la classica esse. 


mercoledì 20 agosto 2014

Roselline di pasta di pane e mele!!

Come avete passato il ferragosto?? Io lavorando, infatti chi mi segue da un po sa che lavoro in un bar e qui a Mondavio a ferragosto c'è la famosa caccia al cinghiale, una rievocazione storico-medievale bellissima, e per i 4 giorni di festa il paese è in subbuglio, e noi lavoriamo ovviamente il doppio, c'è ogni anno tantissima gente.....comunque oggi è il 20 e anche questa è passata e si avvicinano sempre più le tanto agognate ferie.....finalmente!! Dopo il tour de force come lo chiamiamo noi, mi sono concessa questo dolcetto, delizioso e leggero, le girelle fatte di pasta di pane e ripiene di mele, la ricetta l'ho presa sempre in una vecchissima rivista, si perché qualche tempo fa mi sono messa a sfogliare le mie vecchie riviste di cucina e ho fotografato quelle che vorrei provare, sono tante e piano piano spero di riuscirle a fare tutte.



  • 4 mele
  • 250 gr di pasta di pane
  • 5 cucchiai di zucchero di canna
  • 30 gr di burro
  • 1 bicchierino di martini rosso
Sbuccio le mele e le fetto sottilmente, le metto in una padella con il burro, faccio cuocere per un po, fino a che non diventano morbide, infine sfumo col martini. Poi stendo la pasta di pane, la cospargo di zucchero di canna e sopra ci metto le mele, arrotolo e comincio a fare delle fettine alte circa 2 cm, le metto in una teglia ricoperta da carta forno e lascio riposare mezz'oretta, poi in forno a 150 180 gradi per circa 20 minuti!
Quando si sono raffreddate io ci ho messo un po di gelatina per lucidarle, ma va bene anche della marmellata!!

lunedì 11 agosto 2014

Parmigiana di spaghetti!!

Questo post oggi lo dedico al sogno, ieri ho visto una stella cadente, ho espresso un desiderio, stanotte ho sognato una valanga di stelle cadenti, convinta di averle filmate col cellulare, questa mattina la prima cosa che ho fatto è stato guardare il cellulare, ma non c'era traccia di quella magica notte.....era solo un sogno, ma una stellina l'ho vista e questo mi basta. Tutti sognano, mondi migliori, viaggi emozionanti, case da sogno, principi azzurri, storie d'amore da favola, carriere da manager, io oggi voglio iniziare la giornata in positivo, se ci penso non mi manca proprio niente.....ho tutto, e mi accontento, una persona di mia conoscenza mi dice sempre....mai accontentarsi, e io, ma perché no?? Se si sta bene e si realizzano i piccoli sogni quotidiani perché non accontentarsi??? va beh vi lascio con questa domanda oggi.....nel frattempo vi posto la ricetta che ho preso da un vecchio numero di cucina moderna, una parmigiana di spaghetti!!




  • Spaghetti al pomodoro
  • 9 10 fette di melanzane fritte
  • 1 mozzarella
Ricetta semplicissima, se vi avanza un po di pasta dal giorno prima, potete fare come ho fatto io, ho avvolto la pasta nelle melanzane fritte e poi sopra ogni involtino ci ho messo un pezzettino di mozzarella, e poi tutto in forno a grigliare, al momento di servire una bella grattata di parmigiano e buon appetito....una vera delizia!!
Se volete renderlo light non friggete le melanzane ma grigliatele, potete usare anche le zucchine!
A volte la realtà è anche migliore del sogno!!