mercoledì 24 giugno 2015

Roll di pollo farciti con speak e fagiolini con una panatura ai semi di sesamo!!

La scorsa settimana sono andata a mangiare sushi per la prima volta, e devo dire che l'ho adorato, o ti piace o lo detesti, io l'ho adorato, non credevo potesse piacermi così tanto, ne sono rimasta piacevolmente sorpresa e non avrei mai smesso di mangiare. Poi altra sorpresa, le bacchette, mi incutevano un certo timore, e invece è abbastanza semplice, ed è pure divertente, ci si mette un po più tempo, ma non importa non c'era fretta, e non vedo  l'ora di rifarlo assolutamente.

Questi roll sono solo di ispirazione giapponese, anche perché non centrano nulla col sushi, in quanto sono fatti di pollo, diciamo che mi sono solo ispirata vagamente ai rotolini del sushi!


  • 2 fette di petto di pollo
  • 4 fette di speck
  • 4 fagiolini
  • 2 uova
  • sale
  • pane grattugiato q.b
  • farina q.b
  • semi di sesamo q.b
  • olio per friggere
  • 80 grammi di tonno
  • maionese a piacere
  • 7 capperi piccoli
Per prima cosa farcisco le fettine di petto di pollo con lo spek e i fagiolini, le arrotolo, le chiudo con due stuzzicadenti e le faccio rosolare in un filo d'olio, non occorre che cuociano alla perfezione all'interno perché tanto poi andranno fritti. Una volta rosolate tolgo gli stuzzicadenti e taglio dei roll di circa 2 cm di altezza, metto l'olio per friggere a scaldare, e passo ogni rotolino prima nella farina, poi nell'uovo e infine nel pane grattugiato in cui ho aggiunto i semi di sesamo, e li metto a friggere nell'olio caldo. Metto il sale per ultimo e  preparo la salsa tonnata frullando il tonno, la maionese e i capperi e compongo il piatto.
Se volete al posto della salsa tonnata potete usare una riduzione di soia.









domenica 21 giugno 2015

Crostata al cacao piccante, crema e banane!

Mi scuso con tutti voi per la mia assenza, ma come ho già detto il lavoro in estate aumenta, e io ne sono completamente assorbita, ne risente tutto, la casa, gli amici, la famiglia, ma purtroppo è la vita, ma fortunatamente cerco di ritagliarmi spazi di relax, come quando ho creato questo magnifico dolcetto, una frolla al cacao e peperoncino, farcita con crema pasticcera cotta al microonde e banane, una vera delizia.

Per la frolla:

  • 150 g di farina
  • 65 gr di zucchero
  • 15 gr di cacao amaro
  • 1 tuorlo
  • 75 gr di burro
  • 1 cucchiaino di lievito per dolci
  • 1 cucchiaino di peperoncino in polvere
Per la crema pasticcera:
  • 250 gr di latte
  • 2 tuorli
  • 75 gr di zucchero
  • 20 gr di farina
  • scorza di un limone

  • 1 banana




Faccio la frolla unendo tutte le polveri le uova e il burro freddo a pezzi, quando ho formato una palla la avvolgo nella pellicola e la metto in frigo a riposare, nel frattempo faccio la crema pasticcera al microonde, metto in una ciotola la farina, lo zucchero, i tuorli, il limone e infine il latte, metto nel microonde alla massima potenza per due minuti, tolgo e do una bella mescolata con la frusta e rimetto nel microonde sempre per due minuti alla massima potenza, continuo così fino che la crema pasticcera è pronta, ci metto la pellicola a contatto e la faccio raffreddare. Prendo la frolla la stendo in uno stampo a piacere e la cuocio, per 15 minuti a 180 gradi, quando è cotta la faccio raffreddare e la farcisco con la crema e le rondelline di banane.
La frolla piccante si sposa da Dio con il cacao e la crema, dovete assolutamente provarla!!

venerdì 5 giugno 2015

Shirataki con salmone e zucchine!

Oggi si sperimenta, è da un po che cercavo gli Shirataki, ma all' auchan lo scaffale era sempre vuoto, andavano a ruba.
Gli shirataki per chi non lo sapesse sono degli spaghetti tipo noodels fatti di konjak. ovvero una radice giapponese che cresce in montagna, ed è altamente nutriente e poco calorica, 100 grammi solo 10 calorie, il konjak ha la caratteristica di mantenere pulito l'intestino e prevenire il cancro, quindi capite la mia curiosità nel provarli, nota dolente potrebbe essere il prezzo, una confezione l'ho pagata quasi 5 euro.



  • 1 confezione di shirataki
  • 100 gr di salmone
  • 1 zucchina
  • 1 spicchio d'aglio
  • sale
  • pepe
  • peperoncino
  • olio qb
Per prima cosa taglio le zucchine e le metto in una padella con l'olio e l'aglio, quando sono quasi cotte ci aggiungo il salmone e faccio insaporire tutto insieme, aggiungo un po di acqua e ci aggiungo gli shirataki scolati dalla loro acqua e sciacquati sotto l'acqua corrente, li faccio insaporire 5 minuti, aggiusto di sale, pepe e peperoncino e sono pronti, veramente velocissimi da fare.

Quelli che ho comprato io erano conservati in vaschette con la loro acqua ma so che ci sono anche secchi, da far rinvenire.



domenica 31 maggio 2015

Torta di ciliegie e ricotta!

Oggi è uno di quei giorni in cui ho bisogno di scrivere, per sistemare i pensieri, a volte aiuta, la penna scorre e tutto sembra più chiaro!
Questa ricetta l'ho presa su una rivista e mi ha colpita, neanche a dirlo per l'uso delle ciliegie, che adoro, l'ho modificata giusto appena e devo dire che è deliziosa, ricotta e ciliegie si sposano alla perfezione.

  • 500 gr di ricotta
  • 400 gr di ciliegie
  • 4 uova
  • 2 tuorli
  • 150 gr di zucchero
  • 1 limone non trattato
  • 1 bustina di gelatina per glassatura neutra
  • 250 mg di succo d'arancia
  • 3 cucchiai di confettura di ciliegie



Per prima cosa sbatto i sei tuorli con lo zucchero, finché raddoppiano di volume, ci aggiungo la scorza grattata del limone, a parte molto gli albumi a neve ben ferma, e li aggiungo allo zucchero e ai tuorli, cercando di non smontare il composto, verso il tutto in uno stampo con cerniera e faccio cuocere 55 minuti circa a 180 gradi.
Nel frattempo elimino il nocciolo alle ciliegie, e le taglio a metà, scaldo il succo d'arancia con la confettura e la gelatina, aggiungo le ciliegie e quando il tutto è tiepido lo verso sopra la torta e la metto in frigo 5 ore, per far rapprendere la gelatina.

Questa ricetta vorrei dedicarla agli incontri, quelli fortuiti, quelli casuali, quelli che non ti aspetti, quelli con le belle persone, persone oneste, sincere, leali, che ti stravolgono, e ti fanno ricredere sul senso dell'amicizia, dell'amore e della vita, persone che comunque andranno le cose ci saranno, sempre senza chiedere niente in cambio, io ho scoperto che esistono!

domenica 24 maggio 2015

Tagliolini pancetta melanzane e olive!!

Scusate questi giorni d'assenza, ma il lavoro si è fatto molto più intenso e di conseguenza i turni più lunghi e pesanti, quindi mi rimane anche difficile postare con costanza, ma non posso mica abbandonare il mio blog così.....assolutamente no...quindi posterò un po meno ma ci sarò;)
Questa ricetta è nata per caso, volevo fare la pasta coi broccoli ma i broccoli non c'erano e così  ho preso le melanzane la pancetta e le olive ed è nata la ricetta, i tagliolini sono fatti in casa ovviamente!!



  • 2 uova
  • 200 gr di farina
  • 100 gr di pancetta
  • 1 melanzana
  • una manciata di olive
  • olio
  • sale
  • peperoncino
  • 1 spicchio d'aglio
  • parmigiano grattugiato 
Per prima cosa prepara i tagliolini, con le 2 uova e i 200 gr di farina, formo una palla e metto a riposare in frigo per mezz'ora circa, nel  frattempo taglio le melanzane a cubetti piccoli e li metto in padella con un filo d'olio e uno spicchio di aglio, ci aggiungo la pancetta tagliata sottile e faccio insaporire il tutto, aggiusto di sale e appena spento il fuoco aggiungo un po di olive tagliate a metà. Passata la mezz'ora riprendo la pasta e la tiro con la nonna papera e faccio i tagliolini, appena pronti li tuffo in acqua bollente salata e li manteco nel condimento con un po di acqua di cottura per creare la cremina, se vi va una bella spolverata di peperoncino....che da me non manca mai e una grattugiata di parmigiano!!

sabato 16 maggio 2015

Pane integrale col poolish!!

Come avrete capito la scoperta della poolish mi ha esaltato, il pane viene leggero, gonfio e molto più digeribile usando pochissimo lievito, è stato subito amore dalla prima volta che l'ho usato, quindi, adesso farò un po di esperimenti, e siccome sto  cercando di perdere qualche chiletto, l'ho farcito con un formaggio spalmabile light e zucchine al forno! e devo dire che ho gradito molto, con poco ho creato una cenetta sfiziosa e sana!


Per la poolish:
  • 150 gr di farina manitoba
  • 3 gr di lievito di birra
  • 150 ml di acqua
Sciolgo il lievito nell' acqua e aggiungo la farina, mescolo velocemente con un cucchiaio di legno, copro con la pellicola, e lascio riposare 4 ore circa.

Per l'impasto:
  • 150 gr di farina integrale
  • 150 gr di farina manitoba
  • 300 gr di poolish
  • 200 ml di acqua
  • 13 gr di sale
Metto nella planetaria l'acqua col sale e ci aggiungo la poolish, faccio sciogliere il tutto, poi ci aggiungo la farina e faccio lavorare il gancio per 10/15 minuti, quando l'impasto è pronto lo faccio riposare fino che non si gonfia.
Una volta che l'impasto è lievitato lo rilavoro e formo i miei panini, e li rimetto a lievitare circa un ora, una volta cotti e raffreddati li farcisco a piacere!








mercoledì 6 maggio 2015

Chelsea buns!!

Sono sempre molto incuriosita dai dolci di altri paesi, oggi sono capitata a Londra, virtualmente si intende....e ho scovato le chealsea buns, ovvero delle girelle di pasta brioches con un ripieno di uvetta e frutta secca, per le originali, mentre confettura ai frutti di bosco per me, diciamo che le ho "alleggerite" e poi non amo molto la frutta secca.
Io le ho fatte in versione mignon ma se volete potete fare anche delle pezzature più grandi per soddisfare palati più golosi!




  • 500 gr di farina
  • 225 ml di latte
  • 1 uovo
  • 80 gr di zucchero
  • 50 gr di margarina
  • 100 gr di pasta madre
  • 3 gr di lievito di birra
  • mezzo cucchiaino di sale
  • confettura ai frutti di bosco
Per la glassa:
  • 50 gr di zucchero
  • 60 ml acqua
Nella planetaria ho messo il latte e ci ho fatto sciogliere la pasta madre e il lievito, una volta sciolti ci ho aggiunto l'uovo, la margarina, lo zucchero, il sale e infine la farina setacciata. ho formato una bella palla liscia e l'ho fatta lievitare 4 ore circa, poi ho ripreso l'impasto e ho fatto una sfoglia alta circa 5 mm, ci ho spalmato la confettura, e l'ho arrotolata, ho tagliato le girelle delle spessore di circa 2 cm e le ho disposte su una teglia abbastanza distanziate l'una dall'altra, e le ho fatte lievitare altre  2 ore poi le ho cotte a 180 gr per 30 minuti.
Nel frattempo ho fatto la glassa in un pentolino ci ho messo l'acqua e lo zucchero e ho fatto sciogliere lo zucchero, e quando le girelle si sono raffreddate ci ho sparso la glassa in abbondanza.


sabato 2 maggio 2015

Ciambella alla ricotta!!

E' un po di tempo che Valter mi chiede questa torta, la torta di ricotta che gli faceva sempre la madre, ma io, sempre alla ricerca di cose diverse, non l'ho mai voluta provare, povero!! fino qualche giorno fa, dopo l'ennesima richiesta mi sono decisa, così telefono alla mano abbiamo chiamato mia suocera, che come ormai tutti sapete vive in Sardegna, e ci siamo fatti dare la ricetta, pochi ingredienti e semplici, mi sono chiesta cosa avrà di così speciale??
Dopo averla provata so cos'ha di così speciale, è una torta morbidissima, non rimane asciutta all'interno, è molto semplice, e veloce da fare, non è pesante e poi la si può personalizzare, infatti ci volevo mettere le gocce di cioccolato ma sono stata subito ammonita da Valter, lui la voleva semplice....e poi di speciale ha il ricordo, il ricordo che lo lega alla mamma, che è lontana, la mamma è sempre la mamma!
  • 300 gr di ricotta di mucca
  • 300 gr di farina
  • 250 gr di zucchero
  • 3 uova
  • 1 bustina di lievito per dolci


Per prima cosa divido i tuorli dagli albumi, monto gli albumi a a neve con metà dello zucchero e li metto da parte, poi monto i tuorli con l'altra metà dello zucchero,e ci aggiungo la ricotta passata con un passino per renderla più fine,  poi setaccio anche la farina e il lievito e li aggiungo ai tuorli e ricotta, solo alla fine aggiungo  gli albumi montati, sempre dall'alto verso il basso per non far smontare il composto, inforno a  180 gr per circa 30 minuti!

lunedì 27 aprile 2015

Pane con la poolish!

Per la festa del 25 Aprile mi sono presa tre giorni di ferie, ne avevo bisogno, così con una coppia di amici siamo andati a visitare Gubbio, dista solo un ottantina di chilometri da Mondavio e pensare che non ci eravamo mai andati, questo ci fa capire che siamo circondati da cose belle e a volte non ce ne rendiamo conto!! Vi lascio qualche fotina prima della ricetta:



E adesso passiamo alla ricetta, il pane con la poolish, la poolish è una sorta di lievitino e con la quale abbiamo la possibilità di mettere meno lievito, l'importante è aumentare il tempo di fermentazione, vi spiego meglio, per prima cosa ho fatto la poolish:


  • 150 gr di farina 0
  • 3 gr di lievito di birra
  • 150 ml di acqua
Per prima cosa sciolgo il lievito nell'acqua, poi metto la farina in una ciotola,ci aggiungo l'acqua in cui ho sciolto il lievito, e mescolo con un cucchiaio di legno, copro l'impasto con la pellicola e lo lascio riposare 4 ore.

Trascorse le 4 ore la poolish dovrebbe aver raddoppiato il suo volume ed è pronta per essere utilizzata per il pane, ci servirà:

  • 300 gr di farina 0
  • poolish
  • 200 ml di acqua
  • 13 gr di sale
Divido l'acqua in due ciotole, in una ci sciolgo il sale e nell'altra ci sciolgo la poolish, nella poolish ci aggiungo la farina, e infine l'acqua col sale, e impasto per 15 minuti, poi ho formato una palla e l'ho messo a lievitare un oretta circa,dopo la prima lievitazione si riprende l'impasto e gli si da la forma desiderata, io l'ho cotto in una ciotola per dargli la forma a cupola, ma potete dargli la forma che volete!
Poi una volta passata un altra ora si mette in forno per 30 minuti circa a 180 gr!




giovedì 23 aprile 2015

Uova e piselli!

Sarà la primavera o il cambio di stagione, ma questo periodo ho poche energie, quindi, ho iniziato a prendere degli integratori, e sinceramente sembra che mi stiano facendo bene, mah, o forse è solo suggestione, no so.
Avendo bisogno di energie ho deciso di fare questo piatto che mi ha insegnato mia madre, le uova coi piselli, lo so è un piatto semplice, ma è un piatto che ho nel cuore, e così un giorno avendo a disposizione uova freschissime ho deciso di farlo:


  • 300 gr di piselli
  • 2 uova
  • cipolla
  • olio
  • passata di pomodoro
  • sale
  • peperoncino

Faccio soffriggere la cipolla nell' olio, aggiungo i piselli e li faccio cuocere 10 minuti, poi aggiungo la passata e un po di acqua,  verso fine cottura aggiungo le uova una  alla volta intere e copro con il coperchio e faccio cuocere pochi minuti.
Non è la solita frittata ma una divertente variante, provatela!!


Infine volevo ringraziare Alex di C'è crisi c'è crisi! che ha creato per me il mio nuovo header e le icone sociali, vi piacciono?? io ne sono entusiasta e Alex è stata gentilissima e disponibile, grazie ancora!!!